MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

venerdì 27 ottobre 2017

FERDINANDO un dramma di parole al PICCOLO ELISEO

Autrice: Elena Costa (VeraKira)  




FERDINANDO, il testo capolavoro di Annibale Ruccello, è un dramma di parole. Parole che stordiscono, mistificano, conquistano, ingannano e sì, uccidono “perché ognuno uccide ciò che ama, il vile con parole carezzevoli, il prode con la spada”.  È questa l’accusa che donna Clotilde, nobile neanche troppo decaduta, muove alla cugina/serva Gesualda “tu mi vuo’ accidere cu ‘e pparole… e’ pparole toie so’ peggio r’ ‘e curtellate pecchè spurtuseno e nun lasciano signo”. E in un crescendo vorticoso di eventi quasi immobili e di frasi mobilissime e disturbanti si arriva proprio alla morte, quella vera di don Catellino, prete tentatore e perduto, e quella figurata di donna Clotilde e Gesualda, morte nei sogni, nelle speranze, nell’ultimo residuo di una felicità che il diabolico Ferdinando, l’unico personaggio apparentemente vincente della pièce, è riuscito ad evocare e poi a dissipare.


Difficile riprendere e riportare a “vita nuova” un pezzo di teatro così complesso e semplice allo stesso tempo, nel quale si accavallano interpretazioni e letture, e così ben identificato con Isa Danieli, attrice per la quale il compianto drammaturgo lo aveva scritto.
Gea Martire però avvince e convince.
Prima, avviluppata nel suo camicione lenzuolo, quasi una camicia di forza liberamente indossata che l’avvinghia strettamente nel letto dove donna Clotilde ha deciso di esiliarsi; poi, libera e sfrontata, in abiti spagnoleggianti, con i capelli colorati di fuoco, dalle luci scenografiche che sbandierano impudiche la sua ritrovata, riconquistata, femminilità.
L’interpretazione della Martire arriva alle viscere del testo, sputando prima ogni parola e poi addolcendola, nel suo napoletano liquido ed intenso.
Chiara Baffi è una Gesualda vivida, arrabbiata e stanca, vendicatrice della perduta o mai avuta purezza.
Le due attrici nel primo atto, muovendosi attorno al letto/palcoscenico, con le strambe sedie a rotelle, che servono per spostarsi o declamare, usando oggetti solo immaginati, costruiscono una convincente partita a scacchi, alla quale si aggiunge ospite cercato e subìto, il don Catellino di Fulvio Cauteruccio, che racconta il pretaccio rapace in un’inedita contaminazione della lingua napoletana con il dialetto, ma più che altro, con l’accento calabrese.
Ed infine il Ferdinando di Francesco Roccasecca, l’angelo caduto, il diavolo tentatore, la nota dissonante e distorta, che nasconde tutto dietro una bellezza che deturpa ed ammala.

I quattro protagonisti vivono una scena quasi dickensiana, dove, nel primo atto, tutto è barocco e superfluo, così superfluo da non esserci, quindi niente boccette a cui bere, sedie su cui sedere, lettere da leggere. Solo, appunto, quei supporti a rotelle, che spostano i personaggi, che diventano simulacri di se stessi e di un’epoca, un’epoca che non è solo e per forza il 1870, della quasi unità d’Italia, ma un’epoca che sempre si rinnova, quella delle passioni umane, dei vizi, delle gelosie ed in fondo del bisogno di essere visti e riconosciuti, perché, come afferma donna Clotilde, entrando in scena  “l’epoca è cagnata” ma noi, noi spettatori, noi umani, non siamo forse rimasti gli stessi?

- Elena Costa -

Si ringrazia Davide Scognamiglio per la foto di scena che ritrae Gea Martire  

FERDINANDO
di Annibale Ruccello 
 Regia Nadia Baldi 
Con Gea Martire Donna Clotilde - Chiara Baffi Gesualda - Fulvio Cauteruccio Don Catellino - Francesco Roccasecca Ferdinando 
 Consulenza musicale:  Marco Betta  - Scenografia:  Luigi Ferrigno - Costumi:  Carlo Poggioli - Progetto luci:  Nadia Baldi
 Foto in videoproiezione: Davide Scognamiglio - Produzione Teatro Segreto






Nessun commento:

Posta un commento